Il tuo browser non supporta JavaScript!

FILOSOFIA DEL VESTIRE

FILOSOFIA DEL VESTIRE

autore:

Il vestire non dovrebbe in nessun modo essere un dominio della moda ma, semmai, dell’arte, proprio perché l’arte mira alle leggi universali della forma e non al capriccio del gusto.

20,00
 
Formato Libro
Temi Narrativa
Collana Incanti, 18
Pagine 130
Pubblicazione 10/2021
ISBN/EAN 978-88-363-0086-0

In questa raccolta di saggi e conferenze, la questione del bello, tema centrale dell’opera di Oscar Wilde (1854-1900), viene indagata, con il sottile humour che caratterizza l’autore, sotto una varietà di aspetti legati perlopiù al vivere contemporaneo: dalla scelta dell’abito, all’arredamento della casa, ai costumi e alle forme artistiche osservate durante i viaggi americani, alla conversazione in società, all’educazione dei giovani e a numerose altre declinazioni dell’incontro tra una straordinaria e raffinatissima sensibilità estetica e la prosaicità del quotidiano. Da tale incontro scaturiscono anche le riflessioni di Wilde sul rapporto tra arte e vita contenute nel saggio che chiude il volume - dal provocatorio titolo “Il declino della menzogna” - nel quale l’autore del “Ritratto di Dorian Gray” (apparso l’anno successivo) osserva non solo come le due sfere si costituiscano reciprocamente, ma come ognuno di noi sia al tempo stesso prodotto e artefice di questa commistione inestricabile e ineluttabile.

 

Approfondimenti che parlano di: FILOSOFIA DEL VESTIRE

Se l’arte, per il senso comune, crea un mondo non vero, a fianco di quello reale, del mondo della dura realtà dei fatti, allora questa menzogna, questo artefatto che cerca in se stesso la propria legge ed è quindi autonomo da ogni condizionamento, è il fine ultimo dell’arte. Ed è il fine ultimo dell’arte perché, in fondo, è la sola verità possibile, la sola verità degna di questo nome. Una verità che si forgia nel cuore stesso della vita, rendendo alla vita la propria unicità irripetibile.

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.